News and events

Follow Trans Audio Video updates

Prime prove con il PXW-X70

Prime prove con il PXW-X70

Alister Chapman rivela che a volte la qualità si trova in piccoli pacchetti!

Prime impressioni

Come proprietario di un Sony AX100, che è un compatto ma eccellente camcorder 4K e HD, non mi sono molto emozionato quando ho visto il prototipo dell'X70 al Broadcast Asia nel giugno scorso. Sony l'ha fatto diverse volte: prendere un camcorder high-end dal mercato consumer, aggiornare il firmware, aggiungere una maniglia e poi venderlo a un prezzo superiore come un camcorder professionale. In passato c'erano davvero poche differenze tra il modello consumer più economico e la versione professionale più costosa.

Il PXW-X70 è diverso. È molto di più di un AX100 con il nuovo firmware. Innanzitutto, il corpo della telecamera è piuttosto diverso. Il lato destro dell'X70 è molto diverso rispetto a quello dell'AX100. Ha un'impugnatura molto più corposa. Questo permette di tenere la telecamera molto più comodamente per lunghi periodi di tempo. Inoltre, in questo modo c'è spazio per un'uscita HDSDI standard e un'uscita HDMI standard. Ma le differenze non finiscono qui. 

Sulla parte superiore dell'impugnatura c'è un grande pulsante assegnabile che normalmente è impostato per controllare la funzione di ingrandimento della messa a fuoco. Durante le riprese, questo pulsante ricade proprio sotto il tuo dito indice. Di fronte c'è un nuovo controllo dello zoom, più grande, e di fronte a questo c'è un altro pulsante assegnabile, impostato per il diaframma automatico one-push: eccezionale!

Sul retro della maniglia c'è un piccolo joystick che ti ritroverai sotto il pollice (proprio dove deve essere). Questo joystick può essere usato per navigare nei menu della telecamera. In questo modo, senza togliere la mano dall'impugnatura, puoi controllare messa a fuoco, zoom in avanti e all'indietro, impostare l'esposizione e navigare nel sistema del menu. Se solo fosse così semplice in tutte le telecamere Sony! Dal punto di vista ergonomico, questa telecamera è davvero eccezionale, specialmente considerando le dimensioni. 

La telecamera ha un obiettivo con zoom ottico 12x stabilizzato, dietro il quale si trova un sensore di 20 megapixel da 1". Nella modalità video, la telecamera usa circa 14 milioni di pixel, quindi persino nel 4K (il prossimo anno sarà disponibile un'opzione di aggiornamento al 4K a pagamento) ci sono più pixel di quanto non sia necessario per la risoluzione piena. Piuttosto che perdere questa risoluzione in eccesso, puoi attivare la funzione "Clear Image Zoom" di Sony, che funziona perfettamente con lo zoom ottico, per ottenere una gamma di zoom di 24x in HD.  La funzione Clear Image Zoom è davvero straordinaria. Se guardi con molta attenzione l'immagine, su un grande schermo, quando è ingrandita al massimo puoi distinguere a malapena un effetto morbido molto leggera dell'immagine, ma francamente non credo che questo sia peggiore dell'effetto morbido che puoi vedere utilizzando uno zoom ottico compatto da 24x. Certamente, non ha l'aspetto di uno zoom elettronico e, a meno che non affianchi immagini campione, con o senza clip di prova non credo che sarai in grado di dire che è stata utilizzata la funzione Clear Image Zoom.  Se 24x non è abbastanza, è disponibile anche una funzione Digital Extender, controllata da un pulsante sul lato destro dell'ottica, che raddoppia lo zoom digitale. Qui puoi vedere l'immagine un po' degradata a 48x, ma non è terribile; potrebbe ancora essere utilizzata nei notiziari dell'ultim'ora, in cui non puoi avvicinarti al soggetto.  Oltre allo stabilizzatore dell'ottica, nell'obiettivo c'è anche uno stabilizzatore elettronico commutabile. La tecnologia Active Steadyshot è molto efficiente e riesce a riprodurre più chiaramente persino le mani più tremolanti. Ma tende un po' a fermare l'immagine. Così, quando muovi deliberatamente la telecamera, Active Steadyshot prova a stabilizzare la scena finché non può più correggere il movimento della telecamera; a questo punto, la scena viene improvvisamente rilasciata e inizia a muoversi. Se usi un treppiede, ti consiglio vivamente di usare solo la funzione steadyshot standard e non l'active mode.  Le immagini vengono registrate utilizzando i formati XAVC, AVCHD o Definizione Standard DV su schede SD. Per XAVC devi usare le schede SDXC, ma queste sono economiche e facilmente reperibili sul mercato. Sono disponibili due slot per schede e puoi scegliere tra registrazione relé, in cui la telecamera passerà dallo slot A allo slot B quando il primo è pieno, o puoi eseguire due registrazioni simultanee su entrambe le schede. Questo ti offre un backup istantaneo, nel caso ti serva.

Registrazione XAVC HD

Il nuovo camcorder XDCAM PXW-X70 di Sony.

Le registrazioni HD XAVC vengono eseguite in formato 4:2:2 Long GoP a 10 bit a 50 Mb/s, 35 Mb/s o 25 Mb/s. La qualità delle immagini registrate a 50 Mb/s è davvero straordinaria, senza artefatti di compressione visibili (ce ne deve essere qualcuno, ma io non riesco a vederlo). Persino le registrazioni a 25 Mb/s sembrano molto buone. Puoi girare fino a 60 fps in modalità 60i e a 50 fps in modalità 50i. In modalità 60i hai anche il formato 24 fps. 

Considerando che si tratta di una telecamera molto compatta con un solo chip, le immagini che produce sono davvero eccellenti. Non hanno il tipico aspetto di quelle prodotte dalle telecamere con unico sensore. A 0 db, le immagini sono prive di disturbi e quasi prive di artefatti. Io tendo a riscontrare nelle piccole handycam un difetto che io descrivo come immagini "disturbate". Immagini in cui forse c'è troppa nitidezza aggiunta o dove i pixel sono letti in modi special per rendere l'immagine nitida. Questo crea un leggero tremolio ai bordi e offre alle immagini un aspetto simile a quelle prodotte da un sensore di piccole dimensioni. Grazie al suo sensore di grande formato e all'elevato numero di pixel, la X70 non ha questo problema.  Le immagini hanno proprio l'aspetto di quelle prodotte con una telecamera professionale. Raramente, i dettagli a contrasto elevato, come testo bianco su sfondo nero, possono sembrare disturbati, ma è un disturbo molto leggero. Il range dinamico è di tutto rispetto, non è così buono come sulla PMW-300, ma non è niente male per una handycam compatta (io credo che siano circa 10/11 intervalli di DR).  Quello che ho notato con questa telecamera è che grazie al disturbo ridotto e all'elevata qualità del codec, puoi tranquillamente girare a un intervallo più scuro e poi riportare luminosità alle immagini in post-produzione. Girare con un po' meno di luminosità aiuta la telecamera a gestire i punti luminosi, poi in post-produzione puoi schiarire le ombre e i mezzi toni con una semplice correzione del colore per creare un'esposizione ottimale. Peccato non averlo fatto quando ho girato il video dimostrativo. Avrei impostato l'esposizione su tonalità un po' più scure e poi avrei schiarito le immagini in post-produzione. Il disturbo e gli artefatti a 0 db sono così pochi che l'immagine regge molto bene. Se usi l'esposizione automatica, nel menu puoi impostare una compensazione dell'esposizione.

La X70 è piuttosto sensibile e i 9 db di guadagno sono abbastanza utili, quindi girare in ambienti interni senza altre luci non dovrebbe essere un problema. Aumentalo fino a+33 db e può vedere nel buio meglio di me, ma a quel punto il disturbo è piuttosto elevato. 

Oltre a una spiccata sensibilità, la PXW-X70 offre anche una modalità di ripresa in notturna che va oltre il filtro IR della telecamera e include una luce a infrarossi commutabile, così, se lo desideri, puoi girare anche in condizioni di buio totale.  Per vedere le riprese appena girate puoi usare il pannello LCD da 3,5″ integrato. Questo pannello offre una risoluzione più elevata rispetto a quello dell'AX100 e riproduce un'immagine nitida e accurata. Sul retro della telecamera c'è un piccolo viewfinder OLED. Questo piccolo OLED è straordinario. Offre un contrasto eccezionale ed è molto nitido per un viewfinder di piccole dimensioni. È davvero utile nelle giornate molto assolate, quando può diventare difficile vedere l'LCD. 

Immagini nitide e definite

Le immagini HD sono nitide e definite senza tremolio ai bordi, quasi sicuramente grazie al sensore predisposto al 4K. La mancanza di evidente correzione di dettagli offre alle immagini un aspetto piacevole e più cinematografico. La telecamera offre profili immagine, da utilizzare se vuoi ammorbidire o rendere l'immagine più nitida. Oltre al controllo dell'apertura e dei dettagli, ci sono anche i controlli per gamma (standard, statico, Cinematone1, Cinematone2, ITU709) e colore. I controlli del colore sono simili a quelli della FS700, dove puoi regolare la saturazione e la luminosità R, G, B, C, M, Y e K. Inoltre, sono disponibili 6 modalità di colore preconfigurate, oltre a nero e bianco. 

La telecamera può essere controllata sia in modalità completamente automatica o completamente manuale, oltre a diverse modalità ibride. C'è un interruttore sul retro della telecamera per passare dalla modalità automatica a quella manuale. In modalità manuale, puoi controllare diaframma, otturatore e guadagno premendo uno di questi tre pulsanti lungo la base della telecamera e usare una piccola ghiera proprio sotto l'ottica per impostare ciò che hai selezionato. Nella pratica funziona molto bene. C'è un altro pulsante per il controllo del bilanciamento del bianco sul fianco della telecamera, con i soliti parametri preconfigurati più un bilanciamento automatico del bianco. Proprio sotto l'interruttore Manual/Auto, c'è un selettore per i filtri ND integrati. Ultimamente ho acquistato una fotocamera DSLR A7 e avevo dimenticato quanto tempo puoi perdere quando non sono disponibili i filtri ND integrati. Quindi sono molto contento di vedere i filtri ND sulla PXW-X70 perché sono molto utili nella gestione della profondità di campo.  Sull'ottica c'è un unico grande anello di controllo, che può essere utilizzato per mettere a fuoco l'ottica o come anello per lo zoom manuale. La messa a fuoco è reattiva e devo dire che, anche se a me non piace il gira e rigira degli anelli della messa a fuoco servo-controllata, questa non è male.

Treno fermo in stazione. Immagine acquisita con la telecamera PXW-X70

C'è così tanto da dire su questa telecamera che potremmo scrivere un piccolo libro per descriverne tutte le caratteristiche. Ad esempio, c'è uno schermo touch LCD che può essere usato per impostare la messa a fuoco o l'esposizione toccando la parte dello schermo che vuoi esporre o mettere a fuoco. C'è un set completo di funzionalità secondarie per esposizione e messa a fuoco, come peaking, istogramma, zebra e altre ancora. 

Sulla parte superiore della telecamera c'è il nuovo supporto MI (multi-interfaccia) per collegare accessori come la maniglia in dotazione con gli ingressi audio XLR. La maniglia rimovibile fornita in dotazione è davvero ben costruita e molto sicura quando agganciata. Una piccola nota è che quando agganci la maniglia al supporto MI, la telecamera passa automaticamente all'audio XLR per impostazione di fabbrica. Quindi, se non hai un microfono collegato alla maniglia, non avrai l'audio, perché il microfono interno viene disattivato. Se vuoi usare il microfono integrato e la maniglia allo stesso tempo, devi andare nella sezione audio del menu e attivare il microfono interno.  Per le operazioni di time-lapse e slow motion, la telecamera offre una funzione di slow motion e quick motion che va da 1 fps a 60 fps a 1920×1080.  La telecamera offre connettività WiFi e NFC e può essere controllata da remoto tramite Content Browser Mobile; semplicemente sfiorando un telefono o un tablet con tecnologia NFC sul fianco della telecamera, potrai accoppiare la telecamera al dispositivo. In futuro sarà disponibile un aggiornamento del firmware che permetterà di utilizzare la telecamera per trasmettere i tuoi contenuti dal vivo tramite U-stream.  Infine, l'elevata qualità della costruzione. È davvero ben fatta. La senti compatta e solida, ti dà l'idea che durerà davvero per molto tempo. Non dirlo a Sony, ma l'ho fatta cadere dall'altezza della vita mentre la usavo. È sopravvissuta, nessun problema.

In conclusione

È una telecamera compatta e di qualità. È molto facile da usare. La qualità delle immagini è molto buona per una telecamera di queste dimensioni. L'unica nota un po' stonata è la gestione dei toni chiari. Ma la telecamera offre immagini così pulite che puoi impostare l'esposizione in un punto un po' più scuro per compensare questo problema. Dopo aver girato il video dimostrativo, ho giocato un po' con i profili immagine per gestire l'esposizione delle aree luminose e ho scoperto che aumentare il gamma del nero aiuta molto, perché alza i mezzi toni, permettendoti di impostare l'esposizione a valori leggermente inferiori. 

Il sensore a grande formato, combinato con i filtri ND integrati commutabili, ti offre un controllo superiore sulla profondità di campo rispetto alle handycam compatte standard.  Non dimenticare che questa è una telecamera compatta. Non è una PXW-X180 e non lo sarà mai, ma se il tuo budget è limitato e vuoi una telecamera compatta e facile da usare, questa potrebbe essere quella che fa per te. Credo che potrebbe essere ideale come telecamera secondaria in produzioni aziendali con budget limitati. Inoltre, la PXW-X70 sarebbe una telecamera ideale per PA e cineasti, o per cameraman alle prime armi per realizzare produzioni discrete.

Maggiori informazioni

Alister Chapman è un cameraman broadcast con 20 anni di esperienza che dirige anche la sua azienda, Ingenious, un punto di riferimento per la produzione video, televisiva e multimedia. Le opinioni espresse in questo articolo rappresentano quelle dell'autore individuale, che è indipendente dalle Società del gruppo Sony. Di conseguenza, i contenuti del presente articolo non rappresentano necessariamente le opinioni o le politiche di Sony Corporation o delle sue società controllate.

Share on