News ed eventi

Segui gli aggiornamenti di Trans Audio Video

FS7 II usato per le riprese nella più grande caverna del mondo in 4K HDR

FS7 II usato per le riprese nella più grande caverna del mondo in 4K HDR

La grotta Sơn Đoòng in Vietnam è la più grande del mondo con oltre 5 km di lunghezza, 150 di larghezza e, nel suo punto più alto, oltre 200 m di altezza. Il sito ha 2-5 milioni di anni ed è caratterizzato da un fiume sotterraneo che scorre veloce, diventato famoso a livello internazionale solo nel 2009. Quest'area è il soggetto perfetto per la serie di documentari 4K di WOWOW Inc con una trasmissione sperimentale di 8K.

Per il documentario è stato utilizzato il camcorder Sony Super FS7 II. In grado di riprendere 4K di alta qualità con un 23.98P cinematografico, l'FS7 II è anche abbastanza robusto per resistere alle condizioni più difficili e ha un design ergonomico ideale per le riprese su terreni sconnessi. Accanto a FS7 II, un α7S II è stato utilizzato per le riprese in condizioni di luce ultra-bassa.

 

Un'opportunità realizzata dopo 7 lunghi anni

«Le location selezionate per questa collaborazione con WOWOW sono principalmente quelle mai riprese prima nei film.» dichiara il direttore di produzione Sota Koshino.  «Il nostro obiettivo è quello di ritrarre questi luoghi utilizzando attrezzature all'avanguardia e ogni episodio rappresenta in realtà l'equipaggio delle riprese come protagonisti. Il nostro primo documentario è stato quello di riprodurre la famosa citazione "La terra è blu". Per fare questo abbiamo visitato la NASA in Florida e abbiamo volato con i jet nella stratosfera. E da quando siamo saliti l'ultima volta, aveva senso andare giù e riprendere una grotta. Ho scoperto per la prima volta Sơn Đoòng Cave nel 2010. Sono rimasto stupito e ho iniziato a parlare con il nostro scrittore delle riprese lì. Ci sono voluti 7 anni, ma siamo finalmente riusciti a realizzare questo sogno con un equipaggio di 70 persone a marzo 2017.»

 

Scegliere una telecamera per condizioni difficili

«Avevamo preparato vari metodi per mantenere l'attrezzatura asciutta prima di partire» ricorda Masahiro Hariu, operatore addetto alle riprese «Ma dopo essere stata nella grotta per 4 giorni, tutto è diventato umido. Abbiamo persino preso ventilatori alimentati a batteria che pensavamo avrebbero tenuto asciutti i nostri obiettivi e le nostre fotocamere, ma non ha funzionato come previsto. Alla fine, abbiamo deciso di tenere tutto aperto e di permettere alle lenti di abituarsi all'ambiente. Se l'aria esterna e la pressione vengono cambiate bruscamente, ogni lente diventerebbe soggetta a condensa. Se ciò fosse accaduto, avremmo avuto bisogno di scaldare le lenti per circa 20 minuti, così abbiamo deciso di lasciarle esposte all'aria esterna.»

 

Condividi su